Home NEWS Proseguono i test della seconda generazione della Renault Kadjar

Proseguono i test della seconda generazione della Renault Kadjar

21
0

Il programma per la seconda generazione del suv Kadjar è iniziato ben prima dell’arrivo di Luca de Meo in Renault ma l’impegno con cui si stanno completando i test di messa a punto, anche in condizioni invernali severe, conferma l’importanza che la Casa della Losanga – e quindi tutto il nuovo staff dirigenziale – attribuisce a questo modello, che rimane uno dei suv da famiglia più venduti in Europa.

Quando arriverà nelle concessionarie, probabilmente entro la fine del 2021, Kadjar evidenzierà quei potenziamenti della qualità e della tecnologia che sono presenti sulle ultime auto Renault, nonché una scelta più ampia di propulsori compreso uno schema ibrido.

Come anticipa il periodico britannico Autocar, che ha sorpreso un ‘muletto’ di Kadjar sulle strade del nord Europa e che ha realizzato un bozzetto con il possibile aspetto della seconda generazione del suv della Losanga, il modello di serie evidenzierà un cambiamento nel design ispirato – in alcuni elementi – dai recenti concept Morphoz e Mégane e-Vision.

Renault rinnoverà anche l’abitacolo in linea i cambiamenti che stanno caratterizzando tutti i nuovi modelli, così come avviato dal capo del design Laurens van den Acker. Non mancheranno il grande touchscreen orientato in verticale, materiali di qualità superiore, un design pulito ai vertici e anche elementi ‘premuim’ come l’illuminazione ambientale e opzioni più esclusive. La seconda generazione di Kadjar utilizzerà una versione aggiornata della piattaforma modulare CMF-C dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, la stessa che è alla base della nuova Nissan Qashqai ed è compatibile con tutte le forme di propulsione ibrida. Probabilmente la nuova offerta ibrida e-Power di Nissan sarà limitata a Qashqai e per Kadjar potrebbe essere utilizzata invece variante del sistema E-Tech di Captur, che accoppia un motore a benzina da 1,6 litri ad un unità elettrica e batteria da 9,8 kWh per circa 160 Cv.

Resta da vedere se Renault seguirà Nissan nell’abbandono dei propulsori diesel per il suo suv di segmento C ma, viste le tre opzioni a gasolio nel nuovo Captur, questo – si legge su Autocar – appare improbabile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here